La manovra del Governo prevede l'abolizione della provincia di Fermo

1' di lettura 26/05/2010 -

La manovra finanziaria, in corso di approvazione, prevede l'eliminazione di tutte le province sotto i 220.000 abitanti, che non siano confinanti con stati esteri e che non appartengano a regioni a statuto speciale. In tutto saranno coinvolte 13 province, tra cui Ascoli Piceno e Fermo.



Ecco l'elenco delle province che, se la manovra verrà approvata senza modifiche, verranno abolite sin dalla prossima legislatura.

Ascoli Piceno (213mila abitanti circa)
Asti (217mila abitanti circa)
Belluno (214mila abitanti circa)
Crotone (173mila abitanti circa)
Fermo (177mila abitanti circa)
Isernia (89mila abitanti circa)
Massa Carrara (203mila abitanti circa)
Matera (203mila abitanti circa)
Rieti (160mila abitanti circa)
Vercelli (180mila abitanti circa)
Vibo Valentia (167mila abitanti circa).

La Provincia di Fermo corre quindi il rischio di durare appena una legislatura.
A quanto pare i compiti delle province abolite passeranno alle province limitrofe. Allo stato delle cose quindi non verrebbe nemmeno ripristinata la vecchia Provincia di Ascoli Piceno che comprendeva entrambe le attuali province.





Questo è un articolo pubblicato il 26-05-2010 alle 10:36 sul giornale del 27 maggio 2010 - 737 letture

In questo articolo si parla di michele pinto, politica, provincia di ascoli piceno, province, manovra economica, provincia di fermo





logoEV