Partita della solidarietà: incassati 9.600 euro

calcio 2' di lettura 22/04/2010 - Ammonta a 9.600 euro l’incasso complessivo della partita di solidarietà svoltasi domenica scorsa al campo sportivo San Claudio di Campiglione di Fermo.

Cifra che verrà interamente devoluta per la realizzazione di attività ricreative e sportive a favore dei ragazzi disabili dei Centri Socio Educativi Riabilitativi “La Bottega delle Idee”, “San Giuliano”, “L’Albero dei Talenti” e del servizio semiresidenziale del Centro Montessori. Per il Sindaco di Fermo Saturnino Di Ruscio si è trattato: “Di un importante momento in cui ci è confrontati con realtà sulle quali non siamo spesso portati a riflettere, in primis quella dei non vedenti. Partita che è servita anche per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla figura dei lavoratori socialmente utili. A tutto questo si aggiunge il lavoro d’eccellenza che il Centro Montessori presta quotidianamente nel campo della disabilità giovanile”.


Soddisfatto il Direttore del Centro Montessori Marco Marchetti che ha dichiarato : “Non posso che esprimere viva soddisfazione per la straordinaria partecipazione delle famiglie, degli educatori, dei volontari, degli amministratori, degli imprenditori e del pubblico, alla giornata di domenica 18 aprile. E’ un segno della sensibilità, della consapevolezza e della maturità del territorio sulle tematiche della disabilità. I fondi raccolti consentiranno di qualificare ulteriormente i servizi mediante la realizzazione di attività integrative, a carattere ricreativo e sportivo, di cui potranno beneficiare oltre 70 ragazzi dei Centri Socio Educativi Riabilitativi e del Centro Montessori. Vorrei ringraziare tutte le persone che si sono adoperate per la riuscita della manifestazione e in particolare i Lavoratori Socialmente Utili in servizio presso il Centro Montessori, le educatrici, gli Amministratori comunali e provinciali, su tutti, nell’inedita veste di atleti, il Sindaco Di Ruscio e il Presidente Cesetti, il Presidente della Nazionale Calzaturieri Graziano Cuccù e i calciatori non vedenti che, con la loro “abilità”, ci costringono a rivedere i nostri schemi mentali e i nostri pregiudizi.”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-04-2010 alle 15:42 sul giornale del 23 aprile 2010 - 661 letture

In questo articolo si parla di attualità, calcio, fermo, Comune di Fermo





logoEV