Rifiuti: firmato accordo di programma tra le Province di Macerata e Fermo

12/09/2009 - E’ stato firmato ieri tra il presidente della Provincia di Macerata, Franco Capponi ed il presidente della Provincia di Fermo, Fabrizio Cesetti, l’accordo di programma interprovinciale per il conferimento dei rifiuti solidi urbani del maceratese negli impianti di smaltimento del fermano.

L’accordo che evita alla provincia di Macerata lo “smacco” di andare in emergenza rifiuti – come ha sottolineato subito dopo la firma il presidente Capponi – prevede la possibilità per il Cosmari di abbancare nella discarica in località San Biagio di Fermo un quantitativo massimo di ventimila tonnellate nel periodo di cinque mesi, eventualmente prorogabile con uno specifico rinnovo.


Contestualmente la Provincia di Macerata si è impegnata ad individuare attraverso il Cosmari le soluzioni per l’individuazione delle discariche di appoggio al Consorzio stesso. A questo proposito ha dichiarato Capponi, “la Provincia si farà parte diligente per il raggiungimento dell’obiettivo, sia con l’indicazione progettuale di siti ad impatto ambientale praticamente nullo, sia mettendo a disposizione risorse in termini di servizi infrastrutturali a vantaggio di quei Comuni e di quelle comunità locali che aderiranno al programma, in una prospettiva di civiltà e di seria politica ambientale”.


In relazione ad alcuni interventi sulla stampa di esponenti politici di opposizione, il presidente Capponi ha giudicato “incomprensibile l’atteggiamento del centrosinistra della provincia di Macerata che – ha detto – sta giocando al massacro su questa delicata materia, come se esso non fosse per altro responsabile della situazioni che si è creata”.

Il presidente e la Giunta provinciale riconoscono al presidente Cesetti, all’esecutivo della Provincia di Fermo e a tutte le forze politiche, comprese quelle di opposizione, presenti nel Consiglio provinciale fermano, “di aver manifestato senso di responsabilità e di disponibilità istituzionale, dimostrando pure che non tutte le opposizioni sono uguali”.

Da parte della Provincia viene precisato che l’esecuzione dell’accordo non comporterà un aggravio economico per i cittadini maceratesi in quanto i costi di abbancamento a Fermo sono simili a quelli già sopportati per le discariche gestite dal Cosmari.

Questo accordo di programma rappresenta anche un’importante tappa della fattiva collaborazione che in appena tre mesi si è instaurata tra le Province di Macerata e Fermo, con diversi risvolti di reciproca partecipazione. E’ di poche settimane fa, infatti, l’intesa per l’ammodernamento del Ponte dell’Annunziata che segna il confine sul Chienti tra le due province, nei pressi di Montecosaro Scalo. Per quella importante struttura viaria, di cui i due enti sono comproprietari e che è a servizio di un ampio distretto produttivo distribuito su entrambi i territori, l’Amministrazione provinciale di Macerata ha assunto a proprio carico tutta la procedura progettuale, di reperimento dei fondi e quella di esecuzione.

Lo stesso accordo sui rifiuti prevede, per altro, la collaborazione della Provincia di Macerata a sostenere la Provincia di Fermo nelle attività finalizzate al raggiungimento degli obiettivi già ottenuti nel territorio maceratese riguardo la raccolta differenziata ed in particolare il sistema “porta a porta”.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-09-2009 alle 16:15 sul giornale del 12 settembre 2009 - 1037 letture

In questo articolo si parla di rifiuti, politica, macerata, provincia di macerata, fermo, civitanova, provincia di fermo