Rango: Moresco e Montefiore dell\'Aso al IV Festival dei Borghi più Belli d\'Italia

2' di lettura 10/09/2009 - Il Festival si è svolto lo scorso fine settimana in Trentino, da venerdì 4 a domenica 6 settembre, per la precisione a Rango che, insieme a San Lorenzo in Banale, si trova ai piedi delle Dolomiti di Brenta.

Un evento unico, itinerante, capace di attirare curiosi e appassionati da tutto il bel Paese e soprattutto di unire in un vincolo di amicizia l\'Italia dei Comuni e dei campanili. Due le amministrazioni valdasine che possono vantare l\'ambìto riconoscimento e che non sono mancate all\'appuntamento: Moresco e Montefiore dell\'Aso.


In Trentino hanno portato prodotti tipici come il ciauscolo, l\'olio, il vino, le marmellate e la pesca della Valdaso. Il Festival è un momento importante di confronto, in cui ci si incontra e si fa il punto della situazione. Il Club ha un Comitato Scientifico che gira l\'Italia, verificando che i paesi rispettino i parametri necessari a mantenere il riconoscimento.


In Italia, attualmente, sono 200 i borghi certificati, 17 quelli marchigiani (Cingoli, Corinaldo, Esanatoglia, Gradara, Grottammare, Matelica, Montecassiano, Montefabbri, Montefiore dell\'Aso, Montelupone, Moresco, Offida, San Ginesio, San Leo, Sarnano, Treia, Visso). L\'edizione 2010 del festival si terrà a S.Ginesio, mentre Moresco e Montefiore dell\'Aso si sono candidati per ospitarlo nel 2013. Moresco è stato scelto nel 2001, anno di nascita del Club, tra i 50 Comuni fondatori e da allora ha mantenuto il riconoscimento; Montefiore dell\'Aso è tra i Borghi più Belli d\'Italia dal 2002.


Il Comune del sindaco Achille Castelli ha mantenuto fede agli impegni presi, e al momento del controllo dei requisiti non ha avuto problemi, grazie anche agli interventi al convento francescano e alle mura cittadine, oltre che al rifacimento della pavimentazione antica in centro storico. Moresco, invece, ha aumentato il suo punteggio interrando i cavi della luce in Piazza Castello: le migliorie a livello architettonico infatti, che contribuiscono a rendere più bello il paese, così come le iniziative che favoriscono il turismo, sono ben accette dal regolamento.


Per il sindaco moreschino Amato Mercuri è necessario richiedere che la Regione Marche (come già fanno Abruzzo, Lombardia e Liguria, ad esempio) preveda un capitolo di spesa specifico a sostegno dei borghi che abbiano ottenuto il riconoscimento di più belli d\'Italia, per sostenerli nel recupero degli edifici storici (pubblici e privati) e nell\'eliminazione e prevenzione delle situazioni di incuria e degrado.


Tra gli obiettivi del Comune di Moresco, il rifacimento della pavimentazione originaria del centro storico, con i sampietrini invece dell\'asfalto, un intervento alle mura del castello e l\'acquisto di qualche locale destinato alle attività ricettive. Fondamentale sarà poi stipulare convenzioni per creare pacchetti turistici ad hoc per i piccoli borghi, anche se, ricorda il sindaco Castelli, il \"Percorso dei Borghi\" creato dal Club attrae già una bella fetta di turismo.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-09-2009 alle 17:40 sul giornale del 10 settembre 2009 - 1498 letture

In questo articolo si parla di attualità, matelica, corinaldo, visso, gradara, treia, montecassiano, cingoli, san ginesio, grottammare, sarnano, montelupone, san leo, offida, Montefiore dell\'Aso, moresco, Unione Comuni Valdaso, rango